Monday, January 27, 2014

Rivoluzione in Italia: a breve si potrà scegliere il cognome del bimbo

Presto, anche nel nostro Paese sarà possibile dare il cognome materno ai propri bimbi.

Si tratta di una proposta di legge molto importante, grazie alla quale si riconosce parità di diritti fra madri e padri e si aggiornerebbe il diritto nazionale a quello già in vigore in altri Paesi.

Dopo aver ricevuto una condanna da Strasburgo, l’Italia si è adeguata e ha presentato un disegno di legge che dovrà poi essere approvato, definitivamente, dal parlamento. Il motivo che ha spinto la corte europea ha sanzionare il nostro Paese riguarda due genitori che non hanno potuto dare il cognome materno al proprio figlio. Il caso è avvenuto a Milano e, dopo aver ricevuto il diniego da parte della autorità, è intervenuta l’Unione europea che ha evidenziato una violazione dei diritti. Infatti, se i genitori sono favorevoli a scegliere il cognome materno per i propri bambini non è concepibile che esista una legge che lo vieti.

Il disegno di legge è stato voluto da Enrico Letta con l’accordo di vari Ministri, fra i quali quello del lavoro e delle politiche sociali.

La proposta di legge è stata formulata in modo da attuare le disposizioni volute dalla corte di Strasburgo, permettendo così anche alle madri di imporre il loro cognome. Il disegno di legge prevede che questa possibilità venga garantita a tutte le coppie dove entrambi siano consenzienti.

Se la legge venisse approvata dal parlamento nel nostro Paese verrebbe introdotta una grande novità, di cui si discute da parecchio tempo. Nel corso degli anni, sono state presentate già proposte simili che però non sono mai state attuate.

Il disegno di legge ha suscitato un vivace dibattito fra chi è favorevole all’imposizione del cognome materno e chi è invece contrario. Fra questi ultimi, alcuni sostengono l’importanza di imporre delle regole ferree che evitino che un individuo possa, dopo alcune generazioni, accumulare più cognomi.

Be Sociable, Share!

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...