Wednesday, January 23, 2013

Quando iniziare con l’asilo nido

Tutti i genitori che lavorano si trovano a dover decidere a chi affidare i piccoli mentre loro sono a lavoro.

Le soluzioni di solito adattate sono il nido o la baby sitter. Il nido, spesso appare ai più come una soluzione meno costosa rispetto alla baby sitter ma meno adeguata soprattutto per i bimbi molto piccoli.

In realtà, il nido è una realtà ben strutturata, all’interno della quale lavora personale altamente qualificato e preparato per accogliere anche i neonati. Non esiste un’età per entrare al nido, nel senso che ogni piccolo è un caso a sé. Tutto è legato alla vita che ha condotto fino a quel momento e a quanto sia abituato ad interagire con persone adulte. Agli inizi, è opportuno procedere con cautela, soprattutto se il bambino ha un’età che non supera l’anno; in questi casi è bene abituarlo con calma, facendolo stare al nido per qualche ora di seguito. Quando il bimbo è cresciuto, tutto diventa più facile, quindi può tranquillamente stare al nido, per tutte le ore necessarie.

E’ molto importante che i genitori siano anche essi pronti a lasciare il bambino al nido e che non comunichino al piccolo stati emotivi di ansia o stress.

Molto spesso, i piccoli, appena si accorgono che la mamma non è più con loro piangono; questo è un fatto normale; col tempo il piccolo impara che la mamma poi torna a prenderlo e quindi supererà il trauma iniziale.

Il nido è una grande occasione di socializzazione ed è un grosso stimolo sociale che favorisce lo sviluppo intellettuale del piccolo.

Inoltre, all’asilo il piccolo viene in contatto con un alto numero di virus e batteri che aumentano i casi di malattia ma sono utili per lo sviluppo del sistema immunitario. Infatti, una volta che il piccolo entra in contatto con un virus, si sviluppa una capacità memonica delle sue difese immunitarie. Queste cioè, diventano in grado di riconoscerlo e quindi possono reagire immediatamente, prima di sviluppare la patologia.

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...