Thursday, September 1, 2016

Parto pretermine sintomi e cause

Il parto pretermine avviene quando la gravidanza non ha superato la trentasettesima settimana, considerando che la maggioranza dei parti avviene entro la quarantesima settimana.
I fattori che possono causare questa problematica sono alcune infezioni, particolari condizioni di salute materne e l’uso di droghe. In presenza di alcune malattie è più probabile un parto pretermine, come accade se la mamma è affetta da diabete, è in sovrappeso o soffre di disturbi della coagulazione.
In alcuni casi si ha una minaccio di parto pretermine, che può essere ritardato con la somministrazione di specifici medicinali come i tocolitici. I sintomi della minaccia di parto pretermine sono crampi, senso di pressione pelvica, sanguinamenti e contrazioni che si possono interessare anche la zona lombare. In alcuni casi i sintomi sono quasi nulli o poco avvertibili. In presenza anche di uno solo di questi problemi è necessario recarsi all’ospedale.
Nel caso in cui inizi il travaglio, il processo si svolge come se si trattasse di un parto naturale con un decorso regolare compresa l’espulsione della placenta. La donna inizia a percepire le classiche contrazioni che portano alla dilatazione dell’utero fino alla nascita del neonato.
L’ecografia consente di stimare l’eventuale rischio di parto pretermine,misurando le dimensioni del collo dell’utero.
Il parto pretermine porta con sé, nella maggioranza dei casi, dei gravi disturbii per i neonati che possono andare incontro a problemi neurologici o di tipo respiratorio. Le patologie, spesso rilevanti, possono essere anche celebrali, inoltre non è raro il caso in cui il piccolo non sopravviva.
I rischi per il corretto sviluppo del bimbo sono numerosi e, non sono rari i casi di neoanti prematuri che anche successivamente hanno manifestato patologie e problemi di salute.

Be Sociable, Share!

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...