Thursday, January 8, 2015

L’ansia da scuola, come fare

La scuola è ormai iniziata ma sono molti i bambini che, ogni mattina, vengono presi da crisi di pianto e di ansia perché vogliono restare a casa. Questa situazione riguarda non soltanto gli scolari che frequentano i primi anni delle elementari ma anche i più piccoli che, per la prima volta, si recano all’asilo o al nido. Le manifestazioni di rifiuto sono fra le più varie: nervosismo,pianto, disperazione e perfino tentativi di cercare di un nascondiglio.

La fobia della scuola è molto diffusa e per superarla, i genitori devono fare squadra con le maestre e gli insegnanti. In alcuni casi, i piccoli somatizzano la loro frustrazione e arrivano a manifestare sintomi fisici di vario tipo, come vomito, febbre o forte mal di testa. Per capire se si sia, o no, davanti ad un caso di ansia da scuola, e quindi da separazione dalla famiglia, è possibile osservare il comportamento del piccolo durante il fine settimana. Infatti, la prospettiva di stare a casa lo tranquillizza fermando, contemporaneamente, tutte le manifestazioni ansiose sia psicologiche che fisiche.

In questa situazione gli adulti devono cercare di spronare i piccoli, facendo leva sulla possibilità di imparare cose nuove, giocare e avere tanti compagni con i quali divertirsi. E’ importante cercare di capire quali siano, nello specifico, gli elementi che spaventano il bambino e perché. Se la situazione non dovesse migliorare o gli insegnanti dovessero segnalare un calo del rendimento scolastico o atteggiamenti preoccupanti, è consigliabile chiedere l’intervento di figure qualificate, come uno psicologo o uno psicoterapeuta, indispensabili per facilitare l’inserimento del piccolo e contribuire a rendere l’esperienza della scuola positiva.

L’ansia della scuola può essere combattuta supportando il bambino ed aiutandolo a vincere le sue paure; ecco perché viene suggerito di continuare a mandarlo a scuola, evitando che accumuli troppi giorni di assenza; infatti, mancare significa non soltanto restare indietro da un punto di vista della formazione ma anche alimentare lo scollamento fra il piccolo ed il resto della classe.

Be Sociable, Share!

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...