Sunday, August 17, 2014

La vera storia di Babbo Natale, tra miti e leggende

ling fluentBabbo Natale, è uno dei personaggi più amati dai più piccoli; simpatico, generoso e sempre disponibile ad esaudire i loro desideri.

I bambini attendono con ansia il suo arrivo e, in molte regioni italiane, è tradizione lasciargli un bicchiere di vino perché si ritempri dalle fatiche del viaggio.

Arrivati ad una certa età, in genere attorno agli otto anni, i nostri figli cominciano a nutrire dei dubbi sulla reale esistenza di questo benevolo vecchietto; arriva un momento in cui capiscono che si tratta soltanto di una finzione e che Babbo Natale, altri non è che i suoi familiari.

Per spiegare ai bimbi la storia di Babbo Natale, possiamo iniziare dicendo che questo signore vive in un territorio freddo, chiamato Lapponia; si tratta di un buon vecchietto, che ama aiutare il prossimo e che ha delle renne alle quali vuole molto bene. Durante l’anno, aiutato dai suoi amici elfi costruisce i giocattoli che poi trasporta in giro per il mondo e dona ai bimbi che sono stati buoni.

La storia di Babbo Natale, è immersa nel mistero infatti la sua figura coincide con quella di San Nicola, il patrono di Bari. Anche nella sua raffigurazione, molti elementi riconducono a San Nicola; pensiamo al copricapo rosso simile a quello dei vescovi e alla sua attitudine verso i bimbi.

flexa plus

Questo Santo, che è stato anche Vescovo, è stato protagonista di molteplici miracoli ed ha salvato tre ragazze da una vita terribile, regalando loro delle monete in modo che avessero una dote.

In Europa, il 6 Dicembre San Nicola porta i doni ai bambini; questa tradizione, è arrivata sino agli Stati Uniti quando iniziarono le prime migrazioni olandesi; gli americani fecero loro questa festa, chiamandola Santa Claus. Da allora lo rappresentarono Babbo Natale vestito di rosso, bonaccione, con una grande barba ed in là con gli anni.

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...