Wednesday, January 23, 2013

ACETONE

formexplode

L’acetone, o meglio l’acetonemia, è un disturbo frequente nel bambino: si riconosce per il caratteristico odore acido dell’alito, simile all’odore delle mele marce. Oltre a provocare l’alito cattivo, l’acetone è responsabile del malessere generale del bambino, del pallore e soprattutto del vomito. Quando il bambino vomita, la prima preoccupazione della madre è quella di controllare la presenza di acetone nelle urine. La madre può eseguire la ricerca dell’acetone nelle urine con reattivi in striscioline o in polvere, in vendita in farmacia. Questa prova è attendibile solo quando la reazione è intensamente positiva (color viola) poiché altre sostanze eliminate con le urine possono dare una positività intermedia (rosa) della reazione e trarre così in inganno. Le manifestazioni che preoccupano la madre sono rappresentate da nausea e vomito ripetuti, per la durata di poche ore o di un’intera giornata, sia a digiuno, sia dopo l’ingestione di piccole quantità di liquidi. Il trattamento delle forme più lievi, che sono anche le più frequenti, si basa sulla somministrazione di glucosio per diminuire l’eccesso di acidi presenti nel sangue (acidosi): ciò può essere realizzato con bevande zuccherate in quantità piccole e frequenti come thè o succo d’arancia. Evitare l’introduzione esagerata di grassi animali, panna, fritti, cioccolata, noci e nocciole.

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...